hugo Fattoruso Hugo Fattoruso
Nato a Montevideo, Hugo comincia la sua vita musicale come un alunno prodigio di pianoforte all'età di quattro anni. A nove già formava con il padre Antonio e suo fratello Osvaldo il Trio Fattoruso. In questo gruppo, Osvaldo è stato il batterista (a cinque anni!), Hugo il fisarmonicista e Antonio il bassista, suonando uno strumento di sua costruzione (con un manico di scopa e un'unica corda). Il Trio suonava in festival di strada, con un vario repertorio di brani del carnevale uruguaiano (boleros, tangos, murgas ecc.), dando a Hugo l'educazione sulla ricchezza armonica dei più disparati stili musicali.
Trio Acordeon El Trio Fattoruso
The Hot Blowers
Hot Blowers A sedici anni Hugo scelse il basso acustico come suo strumento principale e si arruolò come membro più giovane dei Hot Blowers, un gruppo di jazz e swing che suonò in tutta l'America Latina verso la fine dei '50. Questo periodo potrebbe essere considerato come la seconda tappa importante della sua formazione armonica: fa suoi l'improvvisazione ed il contrappunto del jazz.


Los Shakers
All'inizio degli anni sessanta il rock cominciò a scuotere le fondamenta del mondo e Hugo decide di formare il gruppo Los Shakers che lo vede, insieme a suo fratello Osvaldo, come principale compositore, chitarrista e cantante. Los Shakers: Hugo e Osvaldo Fattoruso, Roberto "Pelin" Capobianco (basso e voce) e Carlos "Caio" Vila (batteria e voce) hanno avuto un grosso successo in tutta l'America Latina in parte per la loro immagine ma anche per la loro abilità nel combinare le complessità della Bossanova alla canzone urbana uruguaiana ai ritmi del candombe con la forza del rock in una forma nuova e contagiosa. Los Shakers

Opa
Opa Alla fine dei '60 le influenze del jazz e del candombe portarono Hugo a New York dove formò il gruppo Opa. Hugo suonava il piano e i sintetizzatori e suo fratello suonava la batteria e le percussioni. Completava il trio il loro amico d'infanzia Ringo Thielmann al basso. La miscellanea offerta dall'Opa, jazz, rock con armonie e ritmi brasiliani insieme al sapore afro-uruguaiano del candombe offrì al mercato discografico un suono nuovo e diverso e provocò la ammirazione di molti dei grandi nomi del nascente ambiente del "jazz latino". Opa pubblicò due album: Goldenwings e Magic Time. La musica dell'Opa ebbe grande influenza sulle nuove generazioni di musicisti uruguaiani continuando così l'influenza dei Fattoruso nella musica uruguaiana.

Da questo momento in poi Hugo suonò in tutti gli USA lavorando con molti musicisti, da Hermeto Pascoal a Ron Carter ai The Dixie Dregs. Dopo aver lavorato con Milton Nascimento, Hugo visse diversi anni a Rio di Janeiro dove collaborò con importanti artisti brasiliani come Djavan, Geraldo Azevedo, Chico Buarque de Holanda, Nanà Vasconcelos e Toninho Horta.

Hugo ha collaborato intensamente con Milton Nascimento nei dischi 'Milton', 'Journey To Dawn', 'Planeta Blue Na Estrada Do Sol', 'Angelus', e più
Hugo with Milton Nascimento
recentemente nel 'Nascimento' vincitore del prestigioso premio Grammy nel 1997 nella categoría World Music. Oltre a suonare le tastiere e la fisarmonica sono suoi gli arrangiamenti di svariati brani di 'Nascimento', frutto della collaborazione tra Hugo e Milton. Recentemente, Hugo s'è ispirato alle sue esperienze a New York per creare il suo delizioso CD, Homework.
Big World Music Logo
Il libretto che accompagna il CD contiene tutte le parole in spagnolo, cosi come le traduzioni in inglese.
Hugo Fattoruso's  "Homework" Durante i giorni di scuola il termine "compiti" viene associato al processo di apprendistato che ci prepara al futuro. La tipica frase inglese: " Casa è dove abbiamo il cuore" descrive bene questo progetto. A Montevideo Hugo spende la maggior parte del tempo a casa creando, come ha fatto durante la maggior parte della sua vita. In questo CD lui prende le composizioni fatte a casa sua e offre, in compagnia di amici e parenti, questa ricca varietà di suoni, melodie, ritmi e sentimenti. Cosi come il sapere esiste per essere acquisito e trasmesso ad altri, lasciate che quest'esperienza musicale serva ad entrambi i propositi.
con
Hugo Fattoruso voce, tastiere, chitarra
Gabriela Fattoruso voce
Mariana Garcia Vigil voce
Alex Fattoruso chitarra acustica
Christian Fattoruso chitarra eletrica
Francisco Fattoruso basso elettrico

Percusionisti ospiti:
Arturo Prendez
Hector Prendez
Ramon Echegaray
Jane Tomkiewicz
Colon Budes
Daniel Kravetz
Fernando 'Lobo' Nunez
Washington Martirena
Jorge 'Foque' Gomez
Pablo 'Pirana' Silva
Fernando Banega
Damian Peluffo
Hugo Fattoruso

01. Brisas
02. Milonga Blues
03. Conmigo
04. Melodia en Candombe
05. Atardecer
06. Agua y Aceite
07. Aero Rings
08. Todo Voce
09. Islands' Queen
10. Mi Canción
11. Can't Reach
12. Septiembre Asi
13. El Gramillero
14. Figuras y Reflejos




CD Reviews
CMJ (College Music Journal)
Billboard
Luna Kafé
Hugo ha recentemente registrato con Luis Salinas (Argentina), Ruben Blades (Panamá), Jočo Bosco (Brasil), Takamasa Segi (Japón), Hiram Bullock (U.S.), Ruben Rada (Uruguay), Jaime Roos (Uruguay), 'Enemigos Intimos' una collaborazione tra Joaquín Sabina (España) y Fito Páez (Argentina).
HOME